Google My Business è uno strumento tanto semplice quanto indispensabile per la tua attività.

Passeggiavo per Milano in una zona che amo molto perché ricca di botteghe piene di storia e di storie. Mi sono fermata davanti ad una vetrina che da sempre attira la mia attenzione per i suoi mille colori e ho scambiato due chiacchiere con la proprietaria con cui sono finita a parlare d’arte e a bermi un caffè.

Non rinuncerei mai alle saracinesche che alzandosi e abbassandosi ogni giorno riempiono di vita le nostre città, neanche se mi regalassero spese gratuite su Amazon per tutta la vita. Anche per questo consiglio a chi si occupa di commercio al dettaglio di imparare ad usare meglio il web.

Fare i conti con internet è sempre più necessario, anche se la propria attività si svolge nella via di un paese. Lo è ancor di più ora che l’accesso alle risorse del web è sempre più mobile.

Oggi voglio parlarti di un primo passo pratico di Local Marketing, da fare subito: la creazione e la cura di un profilo Google My Business.

Google My Business è una piattaforma gratuita, dedicata a chiunque abbia un’attività commerciale o imprenditoriale, e unisce le funzioni di Google Place e Google Plus. Permette di creare schede personalizzate della propria attività con dettagli, foto, orari e tanto altro e di essere trovati in Google e Google Maps da chi si trova nelle vicinanze.

I buoni motivi per usare Google My Business sono numerosi:

  • posizionarsi nella SERP per le ricerche locali;
  • farsi trovare su Google e su Google Maps da chi si trova nelle vicinanze e sta facendo una ricerca pertinente
  • geolocalizzare l’attività rendendola più facilmente raggiungibile;
  • agevolare la ricerca da smartphone da parte degli utenti;
  • pubblicare post ed eventi, ricevere recensioni e interagire con il proprio pubblico.

Inoltre è totalmente gratuito e semplice da utilizzare, sia da desktop che da smartphone grazie alla comoda applicazione. Essere a portata di smartphone è al giorno d’oggi fondamentale per approfittare dell’incremento costante delle ricerche locali fatte dagli utenti.

Valgono tutte le buone pratiche: informazioni corrette, interazioni con il pubblico, contenuti interessanti, nuovi e aggiornati.

Ovviamente Google My Business è solo una delle tessere del puzzle, ma come per tutte le tessere di un puzzle la sua assenza si fa notare.

Scrivimi a Francesca@ciunilini.com per mettere i passi giusti uno dopo l’altro e farti trovare.