Qualche giorno fa Facebook ha annunciato l’introduzione dei Facebook Shops: vetrine interattive, semplici da utilizzare e potenzialmente molto efficaci. Un nuovo strumento a disposizione per le piccole aziende da tenere sottocchio e da integrare nelle proprie strategie di vendita o di ripresa.

Per Facebook le piccole aziende sono linfa vitale perché utilizzano la piattaforma anche per promuoversi, ma la loro sopravvivenza è determinante anche per la qualità della vita delle comunità. Ed è ovviamente per quest’ultima ragione che scrivo questo articolo. Vorrei darvi già da subito degli spunti interpretativi utili per sfruttare al meglio questa possibilità in arrivo.

Facebook definisce i piccoli business i battiti di cuore delle comunità, ma sono anche i battiti di cuore di parte del business dello stesso Facebook.

Come funzioneranno i Facebook Shops?

Premetto che i negozi di Facebook sfrutteranno anche la piattaforma di Instagram e che siamo ancora in una fase di lancio e di test che dovrebbe concludersi entro qualche mese. Tuttavia è già stata rivelata la modalità di funzionamento essenziale.

I negozi potranno mostrare i propri prodotti tramite video o immagini, taggarli e organizzarli per categorie. Inoltre sarà possibile chattare con i venditori tramite applicazioni di messaggistica come WhatsApp.

In USA è in fase di test una formula di pagamento che si conclude su Facebook, mentre negli altri paesi il pagamento avverrà su piattaforme esterne o sul sito del negozio. Non è una differenza da poco in termini organizzativi per il venditore e di customer experience per il cliente.

Un negozio dovrebbe approfittare di questa opportunità?

L’unica certezza è che i negozi e le piccole realtà non possono più permettersi di ignorare le opportunità del digitale se vogliono rimanere a galla e prosperare nel futuro.

Inoltre permettere ai propri clienti di acquistare online tramite una piattaforma così intuitiva e dall’esperienza su mobile particolarmente piacevole è una buona mossa per soddisfarli.

Penso però che questa grande opportunità di Facebook vada inserita all’interno di una strategia multicanale digital ed integrata con l’offline, in caso di attività fisiche, e che sia da interpretare come uno strumento tra i tanti a disposizione.

Non siamo di fronte ad un’alternativa agli ecommerce e neanche ad una piattaforma realmente gratuita per via delle sue dinamiche algoritmiche. Inoltre non sappiamo ancora come si comporteranno i grandi retailer e se potranno ricrearsi gli scenari competitivi da Davide contro Golia a cui siamo abituati. Staremo a vedere.

La multicanalità è l’unica strada per incontrare il cliente lungo il suo processo di acquisto, per essere elastici e flessibili nei confronti di algoritmi e cambi di scenario e per offrire una customer experience soddifacente.

Io vedo i Facebook Shops come la ciliegina sulla torta di un ecosistema online – offline bene integrato.

Mentre i negozi aspettano che la ciliegina sia matura, consiglio di iniziare a preparare la torta.

Io ti posso aiutare a fare un check-up della tua presenza digitale per migliorarla ed integrarla con tutti i tuoi processi di vendita. Puoi scrivermi ad info@francescaloiacono.com per prendere un appuntamento e sentirci. Puoi anche compilare il form se ti è più comodo.